News

Coppa Italia. Insigne regala i quarti al Napoli: 2-0 al Perugia

Francesco Raiola
NAPOLI Vittoria di rigore del Napoli che supera il Perugia con due penalty firmati da Insigne, con Ospina che riscatta in parte l’erroraccio contro la Lazio, neutralizzando a sua volta un rigore sbagliato da Iemmello, e cosi il Napoli approda ai quarti di finali della competizione dove attende la vincente di Lazio-Cremonese, di scena alle 18. Quarto di finale che a prescindere dall’avversario si giocherà ancora al San Paolo. Tenta il riscatto in Coppa Italia il Napoli al San Paolo contro il Perugia di Serse Cosmi alla prima sulla panchina degli umbri. Cambia senza esagerare Gattuso confermando modulo e difesa, confemando Ospina tra i pali, con Hysaj e Mario Rui esterni, centrali Di Lorenzo e Manolas. Rifiata Allan a centrocampo, con  Elmas al suo posto, insieme a Fabiàn Ruiz e Zielinski. Turnover in attacco solo con Insigne confermato con Llorente e Lozano a completare il tridente. Difesa a tre per Cosmi, con Fulignati tra i pali con la linea formata da Sgarbi, Gyomber e Falasco. A centrocampo esterni Rosi e Nzita, Carraro regista con Buonaiuto e Falzerano interni; coppia di attacco di tutto rispetto formata da Falcinelli e Iemmello. Arbitra Massimi di Termoli.
Perugia che inizia senza timori reverenziali e si fa vedere due volte dalle parti di Ospina con Iemmello molto attivo.  Risponde Fabiàn Ruiz con una bella conclusione da fuori area salvata in corner da Fulignati e poi Manolas di testa sul successivo angolo sfiora il palo. Grande azione poco dopo di Insigne per Lozano che taglia e conclude ma ancora una volta Fulignati salva la porta umbra. Prima svolta del match dopo 25 minuti con Lozano che viene fermato irregolarmente da Nzita dopo una bella triangolazione con Llorente: per Massimi è penalty che Insigne trasforma magistralmente spiazzando Fulignati. Primo giallo del match alla mezz’ora per Falzerano per fallo su Mario Rui. Dopo la mezz’ora Massimi viene richiamato alla VAR per un intervento di gomito in area di Iemmello non visto dal giovane arbitro molisano, che davanti allo schermo rivede l’azione e decreta un altro penalty per il Napoli, con giallo anche per l’attaccante del Perugia. Dal dischetto ancora perfetto Insigne che cambia angolo e spiazza ancora Fulignati. Nel recupero di tempo prima viene annullato il terzo goal del Napoli a Zielinski per fuorigioco e poi Massimi viene richiamato nuovamente al VAR per un tocco in area di Hysaj che contrasta prima con il piede e poi il pallone rimbalza sul braccio. Il check è molto lungo perché l’azione è fortuita ma Massimi anche stavolta decide per il rigore. Iemmello dal dischetto si fa ipnotizzare da Ospina che respinge il rigore del Perugia, chiudendo così il primo tempo col doppio vantaggio azzurro. Nessun cambio all’intervallo per Gattuso e Cosmi, con il Napoli che sfiora il terzo goal con Zielinski che a botta sicura si vede respingere il tiro da Falasco. Primo cambio dopo dieci minuti per Cosmi con l’ingresso di Dragomir per Buonaiuto. Terzo ammonito nel Perugia è Gyomber che atterra Lozano in velocità, e poi giallo anche per Fabiàn che ferma Iemmello. Cambia ancora Cosmi in attacco con Melchiorri per Iemmello. Esordio a metà ripresa per il tedesco Diego Demme, con la maglia numero  4, al posto di Fabiàn Ruiz. Occasione per Falcinelli che di testa su bel cross di Rosi sfiora il palo. Terzo cambio per Cosmi con il guineano Konatè per Carraro, mentre Gattuso richiama Lozano per Callejon e Zielinski per Allan. Ci prova Elmas con un bel tiro dalla distanza ma Fulignati respinge.
Poche emozioni nel finale con il Napoli che gestisce e controlla senza rischiare, chiudendo la pratica Perugia. Napoli ancora convalescente, che riceve comunque un’iniezione di fiducia in vista dell’anticipo di sabato sera al San Paolo contro la Fiorentina di Iachini. Non sfigura il Perugia di Cosmi, che lascia a testa alta Fuorigrotta, accompagnato da oltre seicento tifosi arrivati fino a Napoli.
error: Content is protected !!
P