News

Lukaku stende l’Udinese e l’Inter torna a -3 dalla Juve

L’Inter riparte: dopo tre pareggi, la squadra di Conte torna a vincere e risponde colpo su colpo a Juventus e Lazio. Alla Dacia Arena finisce 2-0 per i nerazzurri, che grazie al solito Lukaku conquistano la nona vittoria in trasferta e si riportano al secondo posto a meno tre dalla Juventus.  Vince l’Inter grazie a Lukaku che firma un’altra doppietta e sale a 16 gol in questo campionato. Un gol su azione (nata proprio da un lancio di Brozovic), uno su rigore conquistato da Sanchez (subentrato a Esposito). Senza Lautaro,  si carica sulle spalle l’Inter di Conte e la riporta al secondo posto, -3 dalla Juve, +2 sulla Lazio che però giocherà mercoledì contro l’Hellas Verona. Non è ancora l’Inter dei nuovi: per loro ci sarà tempo. Basta quella dei “vecchi” ad avere ragione di un’Udinese mai doma, sempre in partita tranne per dieci, decisivi, minuti. Gotti conferma il tandem pesante nell’attacco dell’Udinese e preferisce Becao a Troost-Ekong per il proprio terzetto difensivo. Sulle fasce Stryger-Larsen e Sema, in mediana c’è  Rodrigo De Paul. Costretto a rinunciare a Handanovic, Conte schiera Padelli titolare tra i pali. Esordio dal 1’ in Serie A con i nerazzurri per l’esperto portiere, ma soprattutto per il nuovo acquisto Christian Eriksen: il danese, è titolare a centrocampo con Vecino (Brozovic, non al meglio, in panchina) e Barella. In attacco preferito Esposito ad Alexis Sanchez per fare coppia con Romelu Lukaku, sulla fascia destra Moses (altro esordiente) vince il ballottaggio con Candreva. Esposito potrebbe colpire subito in avvio, bravo Musso. Poche emozioni nel primo tempo,  bloccato ed equilibrato: entrambe le squadre preferiscono agire di rimessa sfruttando le ripartenze, tiri insidiosi di Eriksen e De Paul nel primo quarto d’ora e poi nessuna occasione fino all’intervallo. Nella ripresa dopo appena un minuto Esposito cestina un’opportunità clamorosa calciando nel peggiore dei modi un rigore in movimento dopo l’errore di Sema in rinvio, ma ci pensa il compagno di reparto Romelu Lukaku a firmare il gol del vantaggio con una rasoiata che non lascia scampo a Musso al 19′ del secondo tempo. Il belga fallisce subito dopo la rete del possibile raddoppio, che comunque arriva a venti minuti dal termine su calcio di rigore: Musso stende Sanchez in area, per Di Bello è penalty e dal dischetto trasforma ancora Lukaku per la doppietta personale che fa tornare l’Inter alla vittoria dopo tre mezzi passi falsi. I friulani restano fermi a quota 24 in una zona di classifica al momento comunque tranquilla.

 

error: Content is protected !!
P