News

Nestorovski condanna il Toro: l’Udinese passa al Grande Torino. Giampaolo rischia

L’Udinese sa solo vincere, il Torino sembra essersi invece dimenticato come si fa. La terza vittoria consecutiva della squadra di Gotti coincide con l’ottava partita casalinga senza successi per i granata. All’Olimpico Grande Torino termina 3-2 per i friulani nella notte della centesima rete in maglia granata di un Andrea Belotti che è l’ultimo a smettere di crederci. Dopo un avvio di gara all’insegna dello studio reciproco, la prima rete del match coincide con il primo episodio da moviola: al 24′ Deulofeu lancia Pussetto che a tu per tu con Sirigu non sbaglia. Grandi proteste per il Torino a causa di un contatto sospetto ad inizio azione di Walace su Meitè ma l’arbitro Massa fa giocare e il var conferma la decisione. Ma il primo tempo non è tutto rosa e fiori per l’Udinese che al 43′ deve fare i conti con l’infortunio di Nuytinck costretto ad uscire in barella: al suo posto spazio a Becao. Per i granata è un momento delicato e lo conferma la decisione di Belotti di radunare in cerchio la squadra all’intervallo per caricarla in vista del secondo tempo. Ma il ‘Gallò azzurro è un predicatore nel deserto. E chi dovrebbe supportarlo è una comparsa in un match che viene presto ricondotto sui binari della qualità tecnica. E sotto quell’aspetto la squadra più forte in campo è l’Udinese come evidenziato al 54’: Pereyra si muove in area e scarica per De Paul che col destro di prima intenzione dal limite dell’area lascia di stucco Sirigu e firma il 2-0. Ma il Torino c’è, è vivo e sfrutta un errore di Samir per riaprire tutto: Bonazzoli ruba palla al difensore friulano e serve Belotti che da pochi passi mette in rete. L’Udinese subisce il contraccolpo e pochi istanti dopo c’è il pareggio: Linetty verticalizza, Belotti col tacco restituisce il favore a Bonazzoli che col mancino fulmina Musso. Tutto lascerebbe pensare ad un finale all’assalto per il Torino ma il terzo gol nel giro di cinque minuti è dell’Udinese: Pereyra – tra i migliori – corre sulla fascia e serve il suo secondo assist della serata per il tiro vincente del neo entrato Nestorovski. L’ultima chance del Torino è una beffa che riassume il momento granata: Rodriguez si incarica di un calcio di punizione e col mancino colpisce l’incrocio dei pali.

error: Content is protected !!
P