News

Euro 2020. Verratti carica l’Italia: “In Grecia sarà dura, ma siamo pronti alla sfida”

Due giorni ancora alla sfida di Atene contro la Grecia allo stadio Olimpico. Nazionale che oggi chiude il ritiro di Coverciano prima di prender il volo per Atene. Una Nazionale convinta delle proprie possibilità di espressione, come certificato dalle parole di Marco Verratti. “Ad Atene non sarà semplice. E’ una trasferta molto difficile, sarà uno stadio caldo. Loro sono una delle nostre concorrenti per il primato nel girone, ci faremo trovare pronti e faremo una grande gara. Stiamo crescendo bene e Roberto Mancini è una grandissima scoperta, mi ha dato subito la fiducia che mi mancava e mi ha fatto sentire importante. Farò di tutto per ripagarlo. Il mio ruolo in nazionale? Penso che l’esperimento con me e Jorginho sia riuscito e possiamo migliorare ancora molto. Il ct ha saputo creare un bel gruppo, c’è tanta gioventù ma anche tanta qualità e voglia di fare bene. L’obiettivo di tutti è riportare l’Italia dove merita dopo le delusioni di qualche tempo fa”. Da anni in Francia dove è cresciuto e si è plasmato, ma nessuna idea di tornare a casa. “Non sento questo bisogno, sto bene a Parigi, sono ormai sette anni che vivo e gioco lì, il progetto mi intriga e mi invoglia a continuare. E’ vero che anche stavolta non siamo arrivati fino in fondo ma pure altri club si sono fermati prima. La Champions si gioca su episodi e dettagli e l’edizione di quest’anno è stata piuttosto strana anche se il Liverpool è un grandissimo club e ha fatto grossi investimenti, non è stato un successo casuale, il calcio di oggi ha livellato certe differenze”.

La Nazionale Italiana di calcio è offerta da Ristorante LE STREGHE, via Tuscolana 643, ROMA

Il prossimo anno non ritroverà tra i compagni Gigi Buffon. “Di un campione come lui c’è bisogno sempre, quindi se dovesse tornare in Nazionale con qualsiasi ruolo sarebbe un vantaggio per tutti. L’addio al Psg? Prima che finisse la stagione ho parlato a lungo con lui e sapevo della possibilità dell’addio. Con noi è stato appena un anno ma è bastato a Gigi per farsi amare da tutti. Ci lascia tantissimo, condividere con un campione così lo spogliatoio è un’esperienza che mi porterò dentro tutta la vita. Dovesse tornare in Nazionale sarebbe bello, perché Buffon non solo ha vinto tantissimo in carriera ma ha anche carisma e intelligenza, è davvero qualcosa di raro che dobbiamo tenerci stretto”. L’ultima la dedica al compagno di squadra nel Psg, Neymar. “Per chi non lo conosce c’è un’immagine diversa della realtà, è un ragazzo generoso che vive per il calcio e che ama questo sport. Allenarsi con ragazzi così è il sogno per ogni bambino, sicuramente sta passando un momento difficile. Salterà la Copa America per l’infortunio di ieri sera, sta passando dei giorni difficili. Al giorno d’oggi ci sono persone invidiose che tentano di mettere i bastoni tra le ruote. Neymar vive il calcio in una maniera che non riuscirebbe a nessuno di noi”.

error: Content is protected !!
P