News

Milan, manita alla Viola e porte aperte per l’Europa League. Atalanta ai preliminari

Luci a San Siro. Il Milan asfalta la Fiorentina (5-1) ed è Europa League I rossoneri staccano il biglietto diretto per la prossima edizione ed evitano lo scomodo preliminare di luglio. Settimo posto invece per l’Atalanta, sconfitta a Cagliari (gol di Ceppitelli) che conquista l’Europa per il secondo anno consecutivo.  A sbloccare la partita è un gran gol di Simeone innescato da Chiesa. Dopo lo svantaggio i padroni di casa si accendono e da qui in poi sarà dominio Milan: Chalhanoglu da punizione, la doppietta di Patrick Cutrone (un gol in tuffo da attaccante vero), Kalinic e Bonaventura regalano la vittoria nell’ultima di campionato. Se è vero che la stagione era partita con aspettative ben diverse, considerata come si era messa la situazione per il Milan ad un certo punto, Gattuso se non può sorridere totalmente può trarre buon auspici per il futuro. Il tecnico ha dato idee e gioco trasmettendo le giuste motivazioni e valorizzando molti giocatori. Chi ha tratto maggiori benefici dalla cura Gattuso è Chalhanoglu. Il turco, grande qualità ma discontinuo nel corso della sua carriera e nella prima parte di questa stagione, ha trovato maggiore consapevolezza con il tecnico calabrese riuscendo ad essere più incisivo. Doveroso sottolineare l’impegno e il cinismo di Patrick Cutrone. A 20 anni nella sua prima annata tra i professionisti il giovane attaccante ha realizzato 18 gol tra campionato e coppe mostrando personalità e di poter gestire contesti importanti. La doppietta di oggi conferma ancora una volta le potenzialità di questo ragazzo al quale la dedizione, l’impegno e la serietà non mancano. Da registrare gli applausi regalati dai tifosi milanisti a Kalinic al momento della sua sostituzione, il croato spesso criticato in questa stagione, a volte ingiustamente. Bene anche la forza caratteriale della Fiorentina. Dopo la scomparsa di Davide Astori omaggiato nel pre partita da entrambe le tifoserie lui che è cresciuto nel settore giovanile del Milan, la squadra di Pioli è riuscita a risollevarsi da questa drammatica vicenda trovando forze ed energie per riprendere il cammino. Una squadra composta da tanti giovani ha mostrato sotto molti aspetti maturità sfiorando la qualificazione in Europa League.

error: Content is protected !!
P