News

Champions. Alla Juve basta Mandzukic per piegare il Valencia. Bianconeri agli ottavi

 

La Juventus ha conquistato con un turno di anticipo la qualificazione agli ottavi di finale di Champions League, grazie alla vittoria per 1-0 sul Valencia e nell’ultima giornata si giocherà il primo posto del Gruppo H. Il successo è arrivato all’Allianz Stadium di Torino al termine di una gara difficile in cui i bianconeri hanno rischiato anche di andare sotto al termine del primo tempo. Per il Valencia, complice il successo del Manchester United contro lo Young Boys, eliminazione matematica dalla competizione. Nessuna sorpresa alla lettura delle formazione della Juventus di Massimiliano Allegri: rispetto alla gara di campionato di sabato scorso contro la Spal sono tornati nell’undici titolare Szczesny in porta, Cancelo e Chiellini in difesa, Matuidi a centrocampo e Dybala in avanti. Sempre assenti per infortunio Khedira, Bernardeschi ed Emre Can. Nel Valencia, l’esclusione dell’ultimo minuto è quella di Garay per un ematoma rimediato in allenamento. Out anche Cheryshev, ancora ai box per un guaio muscolare.
In avvio di gara i tifosi della Juventus hanno fatto sentire la loro vicinanza a Gianluca Vialli che di recente ha svelato pubblicamente la sua battaglia contro il cancro: “Forza Gianluca combatti nella vita come in campo… Vincerai!!!”, il messaggio scritto su uno striscione dalla tifoserie organizzata della Curva Sud, cui hanno fatto seguito una serie di cori proprio per l’ex attaccante di Sampdoria e Juventus. In un primo tempo decisamente avaro di emozioni, la Juventus ha manovrato palla nella metà campo avversaria per lunghi tratti non riuscendo però a trovare mai l’acuto giusto. Neto è stato praticamente inoperoso per l’intera prima frazione, mentre la risposta del Valencia è arrivata per lo più su errori dei bianconere o su ripartenze veloci. Szczesny, anch’egli inoperoso per tutta la prima frazione ha parò salvato il risultato negli ultimi secondi di gioco quando con un riflesso incredibile ha respinto il colpo di testa di Diakhaby su calcio d’angolo di Parejo. Anche nella ripresa è stata la Juventus a condurre le danze e nonostante ancora tanta imprecisione in fase di rifinitura, la squadra campione d’Italia, poco prima del quarto d’ora, ha sbloccato il risultato grazie a un’invenzione di Ronaldo che, dopo aver fatto secco Gabriel Paulista ha messo in mezzo da sinistra un cross rasoterra per Mandzukic che, liberatosi della marcatura di Gayà, non ha dovuto far altro che spingere la palla nella porta sguarnita.
Appena tre minuti ed è stato Diakhaby a raggelare l’Allianz Stadium infilando Szczesny, ma ci ha pensato l’arbitro Collum ad annullare ravvisando un evidente tocco di mano del difensore francese. Sbloccato il risultato, la Juventus ha cercato il raddoppio seppur lasciando ampi spazi alla manovra di rimessa della squadra di Marcelino Garcia, per la squadra bianconera sono andati al tiro tutti i suoi attaccanti: al 24′ la conclusione a giro di Dybala è stata messa in angolo da Neto che, cinque minuti dopo, ha bloccato un colpo di testa ben indirizzato di Cristiano Ronaldo sugli sviluppi di un angolo e, a dieci minuti dal termine, ha parato una conclusione da buona posizione di Mandzukic negando così alla Juve di mettere in anticipo la parola fine alla sfida. Poco male, basta l’1-0 per assicurarsi gli ottavi e ipotecare il primo posto nel girone.

error: Content is protected !!
P