News

Champions, domani Roma-Real. Kolarov: “I tifosi parlano troppo ma capiscono poco di calcio. Tranquilli, arriveremo tra le prime quattro”

Vigilia di Roma-Real. In conferenza accanto al tecnico Di Francesco c’è anche Aleksandar Kolarov che analizza il match ma manda anche una stoccata ai tifosi giallorossi. “Non devo promettere niente a nessuno. I nostri tifosi ci sostengono in casa e in trasferta. Devo promettere solo a me stesso di fare il mio lavoro al massimo. Sono d’accordo col mister. Il tifoso deve essere consapevole che di calcio capisce poco, mettermi a parlare su come parla Djokovic non mi permetterei mai, specie di tattica. Qui si chiacchiera tanto, si spreca il fiato, alla fine non si dice nulla. Anche a me piace vedere il tennis o il basket, ma non ci capisco nulla”. E poi il tema match contro il Real. “La Roma a Madrid non è stata all’altezza della Roma che gioca in Champions. Dobbiamo dimostrare dal primo minuto che il Real sono gli ospiti. Ci mancano tre pezzi importanti (De Rossi, Manolas e Pellegrini) ma non dimentichiamo che il Real viene da tre Champions vinte e anche se fossimo stati tutti a disposizione sarebbe stato difficile ma di sicuro, chiunque saremo in campo, faranno fatica contro di noi”. Di Francesco ha puntato il dito contro la mancanza di voglia di vincere. Kolarov non è d’accordo. “Non mi è mai mancata. Nessuno gioca per perdere la partita. L’Udinese ha tirato in porta una volta e ha fatto gol. Ci girano così le partite. Siamo consapevoli che non stiamo attraversando un momento ottimo. Non sento queste difficoltà. Alla fine escono fuori gli uomini, e noi li abbiamo, se ne esce. Dobbiamo fare gol per vincere: Udinse, SPAL, Chievo, Bologna, anche con 8 giocatori dobbiamo vincere. Credo che il calcio sia questo. Da uomini dobbiamo vincere domani. Questa è la strada e il modo di pensare. Sappiamo quanto è importante vincere le partite contro le piccole. Mi auguro, spero, son convinto che da domani e in campionato faremo il nostro cammino, per la portata delle nostre qualità. Stiamo facendo fatica in campionato, ma sono sicuro che arriveremo tra le prime quattro alla fine. La Champions è una competizione in particolare che affronto come affronto tutte le altre partite”.

 

 

error: Content is protected !!
P