News

Crocevia Atalanta per l’Inter. Spalletti: “Partita della maturità”

Dopo il punto d’oro conquistato nella battaglia di Champions contro il Barcellona, domani alle 12.30 l’Inter  sfiderà l’Atalanta agli Atleti Azzurri d’Italia. Una trasferta ostica e complicata che in passato ha regalato ai nerazzurri molti tranelli. Per questo Spalletti alla vigilia non è andato per il sottile. “L’Atalanta è una squadra forte e soltanto la classifica non la fa essere tra le prime. Gasperini è un allenatore moderno e competente che fa bene al calcio. A mio avviso non meritavano di uscire dall’Europa League. I buoni risultati non danno diritto a mollare centimetri. Dobbiamo rimanere sul pezzo soprattutto se l’avversario si chiama Atalanta. L’obiettivo è migliorarsi sempre e regalare soddisfazioni ai nostri tifosi. Questa è la partita che testerà il nostro livello di maturità. Ha poi risposto sui singoli. “Lautaro sta bene e sta vivendo questo momento come altri giocatori. Ad esempio come Miranda. Nainggolan è difficile che giochi, è chiaro che la condizione non è ottimale. Va apprezzata la sua disponibilità e la sua voglia di esserci sempre. Quanto sono importanti il Ninja e Asamoah? Quando si fanno dei nomi si può screditare il lavoro degli altri. Anche il lavoro di calciatori come Gagliardini, Joao Mario e Dalbert è stato importante. Devo fargli i complimenti. Quando la squadra era impegnata in Champions loro erano in palestra a lavorare. In queste situazioni viene fuori la qualità della persona. E’ normale che in alcuni periodi alcuni riescono ad esprimersi meglio”. Spalletti ha commentato anche il gesto di Morinho e la sconfitta della Juventus. “A freddo Mourinho ha detto che non lo rifarebbe. Spesso ci sono pressioni emotive soprattutto in determinate partite ed il rischio di una piccola reazione c’è faccio questo lavoro e lo so bene. Quando viene stuzzicato un leone, il leone ruggisce. La Juventus è la più forte e vinceranno il campionato. Durante il campionato ci sono delle squadre che possono minare alcune certezze. Tutti dovranno dare il massimo anche se è difficile. Ogni tanto l’impossibile si verifica per questo bisogna crederci e non mollare mai”.

error: Content is protected !!
P