News

Inter a Ferrara per invertire la rotta. Spalletti: “E’ ora di tornare a vincere”

Il mercato ha dato una buona mano all’Inter ma adesso servono i risultati. Ecco perché la trasferta di domani a Ferrara contro la Spal (ore 12.30) conta tanto. L’Inter sembra una creatura smarrita dopo un avvio scoppiettante con tanto di primato e sogni neppure velati. Spalletti lo sa benissimo e chiede l’inversione di rotta. “Ho visto che siamo migliorati in questi ultimi giorni. Sono abbastanza tranquillo. Ci sono stati passi indietro negli ultimi tempi, lo so, ma ora c’è stata anche una crescita, una maturazione per arrivare dove vogliamo arrivare. Bisogna tornare a vincere e mostrare qualcosa di diverso rispetto a ciò che si mostrava prima”. L’Inter ha investito tanto nel suo acquisto migliore, Luciano Spalletti e il tecnico di Certaldo non si nasconde.”Un bravo allenatore è quello che fa fare ai calciatori quello che a loro piace, ciò che li esalta. Poi, il mercato. Io devo far valere il materiale a disposizione, la differenza non la fa quello che ci manca e io devo fare qualcosa di meglio”. Due nuovi acquisti, Lisandro e Rafinha. “Lisandro è un calciatore definito, un difensore centrale che conosce come le sue tasche il ruolo, già comanda e decide, già si sente nel clima della squadra. Rafa è uno che può giocare da più parti, ha qualità nello stretto come è nel calcio attuale, a volte si gioca nei mini-campetti, ti saltano addosso, bisogna essere bravi a fare certe cose e lui lo fa. Può giocare esterno, interno e anche trequartista: è dove sta più comodo. E’ forte, e deve mettere a posto la condizione, ma l’ho visto pronto e reattivo”. Inter al momento quarto dietro la Lazio e davanti all’ex Roma, come la mettiamo? “Conterà l’insistenza nel modo di lavorare. Per avere devi fare, per fare devi essere. Bisogna proporre cose che ti diano un risultato, anche cose diverse, per creare difficoltà e affanno agli avversari. Conta molto questa trasferta con la Spal, non facile, ma ovviamente da vincere”. Già, per invertire la rotta visto che l’Inter non vince dal 3 dicembre, 5-0 al Chievo. Tanto, troppo tempo, perderne altro sarebbe delittuoso.

error: Content is protected !!
P