News

Derby della Capitale. Pagelle Lazio: Lazzari devastante, Luis Alberto straripante

Reina 6,5 – Portiere dei mille derby, dal suo piede parte l’azione dell’1-0. Nel finale c’è gloria anche per lui

Luiz Felipe 6,5 – Parte con una gran chiusura difensiva, prosegue su buoni ritmi e senza soffrire. Quasi mai superato. (Dal 69’ Patric 6 – Entra a gara praticamente finita). 

Acerbi 6 – Sceglie subito la strada dello scontro fisico con Dzeko. Ne ha stoffa, muscoli e centimetri, per carità, ma finché la Roma è in partita un po’ soffre. Poi tiranneggia.

Radu 6,5 – Aiuta il leader difensivo, anche giocando sporco come sa fare benissimo. (Dall’83’ Hoedt s.v.).

Lazzari 8 – Miglior attore non protagonista della serata. Decisivo nell’azione dell’1-0, ispira anche il raddoppio. E poi da lui parte anche la terza rete di un derby su cui mette, in grassetto, la propria firma. Quasi migliore in campo senza segnare. 

Milinkovic-Savic 6,5 – Rimedia nei primi minuti un giallo evitabile, poi domina come forse in questa Serie A soltanto lui sa fare. Resta in disparte nelle meraviglie dei compagni, è comunque un punto di riferimento.

Leiva 6 – L’appuntamento col giallo arriva in ritardo e a quel punto Inzaghi lo toglie. Solita diga per i frombolieri che gli gravitano attorno. (Dal 65’ Escalante 6 – È tutto più facile, se la tua squadra ha già vinto da parecchio).

Luis Alberto 8 – E pensare che fino a qualche tempo fa era persino un caso. Se gli lasci spazio, ti punisce: la Roma lo fa e lui si diverte. Due gol, diverse belle intuizioni. La grande bellezza. 

Marusic 6 – Ecco, a voler trovare una qualche pecca in questa Lazio, non partecipa appieno allo spettacolo di questa sera. Comunque sufficiente.

Caicedo 6 – Inzaghi se lo tiene stretto, la difesa della Roma pure ma in un senso diverso. Tanto lavoro oscuro per attirare i marcatori avversari, nonostante la botta subita all’inizio.(Dal 65’ Akpa Akpro 6,5- Entra e piazza l’assist per il tris).

Immobile 7,5- Avvicina Piola: il derby è sempre più suo. Mette la partita in discesa con un gol di rapina, fa ammattire la difesa avversaria con le sue accelerazioni e partecipa come sempre alla manovra. (Dall’82’ Muriqi s.v.).

Inzaghi 7,5 – Ogni volta che ne ha la possibilità, si consacra come un potenziale fuoriclasse della panchina. Forse non più potenziale. Questa sera sembra tutto fin troppo semplice: gli basta fare le cose facili per imbrigliare Fonseca e stendere la Lazio. Alle volte, anche far giocare i migliori è la soluzione per vincere. Gestisce bene tutto, anche il nervosismo che pure lui ha provato da calciatore.

error: Content is protected !!
P