News

Lo Spezia ritrova il Picco, Bologna col dente avvelenato

Robert Vignola

È la prima in assoluto per il “Picco” in serie A. Impossibile vestirsi davvero a festa per lo stadio ligure, ma l’evento è storico nonostante l’assenza sostanziale di pubblico. E sarà il Bologna a cercare di rovinarlo, rendendo pan per focaccia della recente eliminazione in coppa.

Mister Vincenzo Italiano nella disamina della vigilia deve però partire dalla debacle di Crotone. “Lo Spezia se non è con la qualità e l’attenzione al massimo può perdere con chiunque. Chiaramente sono situazioni che dobbiamo evitare, però è successo. Speriamo che ci serva da lezione e ci faccia reagire subito. La prima al Picco? Non vedevamo l’ora. Sono state undici trasferte per noi, tornare a casa, essere nel nostro stadio e nel nostro habitat è un altro modo di entrare in campo durante le gare: affronteremo un Bologna arrabbiatissimo, sulla carta è molto più avanti di noi”.

Dall’Emilia, Sinisa Mihajlovic manda segnali di distensione all’ambiente: “Una partita persa 5-1 non fa cambiare la nostra mentalità, non è un momento difficile… A Bologna sto bene, non ho problemi con i giocatori, cui voglio bene come figli. E dire che la squadra non risponde al mister è una provocazione. Dare colpa al lupo fa comodo alle pecore”.

Lo Spezia festeggia anche il ritorno di ‘Nzola, al centro del tridente con Farias e Agudelo. Bologna ancora ridotto all’osso con otto giocatori in infermeria: Mihajlovic potrebbe optare per una difesa a tre, sfruttando i rientri nelle rotazioni degli olandesi Dijks e Denswil. Direzione affidata a Giacomelli di Trieste assistito da Fiore e Lanotte con quarto uomo Serra e addetti VAR Nasca e Cecconi. Diretta Skysport con calcio d’inizio alle 20.45.

error: Content is protected !!
P