News

Mariani e il Sassuolo beffano il Napoli. Rabbia Gattuso

Francesco Raiola

Esulta il Sassuolo che riesce nella sua prima storica vittoria al San Paolo, battendo gli azzurri per due reti a zero, segnate entrambe nel secondo tempo con Locatelli su rigore e poi con Maxime Lopez in pieno recupero, dopo che Mariani non aveva ravvisato gli estremi di un netto penaty non fischiato su Osimhen. Rabbia in casa Napoli con Gattuso infuriato per la grave decisione presa dall’arbitro di Aprilia e non corretta nemmeno dal VAR. Ottima prestazione comunque degli emiliani, che seppur in piena emergenza, hanno tenuto testa agli azzurri, provocando la prima sconfitta sul campo al Napoli. Partita che àcomunque alimenterà le discussioni e le polemiche su un uso sempre più confuso del VAR, lasciato sempre più alla discrezionalità degli arbitri.

Giornata uggiosa a Fuorigrotta dove si attende spettacolo nella sfida tra due squadre che hanno sempre espresso gran calcio. Gattuso, ad un passo dal rinnovo con De Laurentiis fino al 2023, conferma le indiscrezioni della vigilia, con la conferma di Ospina, Di Lorenzo ed Hysaj esterni bassi, Manolas e Koulibaly coppia centrale. A centrocampo conferme per Bakayoko e Fabiàn Ruiz, mentre con Insigne, tenuto precauzionalmente a riposo nemmeno convocato, batteria dei trequartisti dietro Osimhen, formata da Politano, Mertens e Lozano. De Zerbi in piena emergenza inventa una formazione inedita, con Consigli tra i pali, il turco Ayan adattato a terzino destro, con Chiriches e Ferrari centrali e Rogerio a sinistra. A centrocampo coppia formata da Locatelli e Maxime Lopez, mentre in attacco Raspadori riferimento centrale, dietro Muldur avanzato sulla trequarti a destra con Traorè e il recuperato Boga che torna dal primo minuto.

Primi minuti dove si nota subito che quella del Sassuolo è in realtà è una difesa a 3 con Ayan nel terzetto a destra. Napoli subito pericoloso dopo pochi minuti con Chiriches che sbaglia un appoggio in uscita sui cui si avventa Fabiàn Ruiz che serve Mertens, la cui conclusione finisce di poco a lato. Clamorosa è l’occasione invece per Osimhen al decimo che non approfitta di un altro errato disimpegno del Sassuolo, stavolta di Consigli , ma il centravanti nigeriano tira addosso al portiere per la disperazione di Gattuso. Sassuolo che prova a rendersi pericoloso con Boga e Muldur bravi sulle fasce, ma è ancora Osimhen pericoloso alla mezz’ora con una conclusione forte ma imprecisa e poi è ancora Consigli a superarsi su un tiro a botta sicura di Fabiàn Ruiz. Squillo dei neroverdi nel finale di tempo con una bella conclusione di Boga deviata in angolo da Ospina. Ultimo squillo di un primo tempo senza reti con un Napoli troppo sprecone in avanti.

Ripresa senza cambi iniziali per Gattuso e De Zerbi, con la prima chance per il Sassuolo dopo pochi secondi con Rogerio che scatta veloce e conclude con la parata sicura di Ospina. Primo giallo del match per Locatelli che colpisce in scivolata Osimhen, e sulla successiva punizione Mertens impegna Consigli che salva il Sassuolo in angolo. Al decimo minuto Mariani richiamato al VAR per un intervento di Di Lorenzo su Raspadori, in ritardo il difensore azzurro. Penalty per il Sassuolo con Locatelli dal dischetto che spiazza Ospina e porta avanti i neroverdi abbastanza a sorpresa. Napoli che si innervosisce per lo svantaggio, con Manolas che si becca subito un giallo per fallo sullo stesso Locatelli. Primi cambi a metà ripresa per Gattuso con Petagna al posto di Lozano. Buona occasione per gli azzurri con Mertens che servito da Politano da destra a sinistra non è preciso e sbaglia tirando male sul primo palo. Primo cambio anche per De Zerbi che inserisce Defrel al posto di Traorè, a cui risponde Gattuso con un doppio cambio con Elmas e Mario Rui per Mertens e Hysaj. Azzurri poco precisi nelle azioni offensive si fanno imbrigliare dal giro palla degli emiliani. Tenta la carta Zielinski Gattuso al posto di Politano, mentre arriva il doppio cambio per De Zerbi a dieci minuti dalla fine con Boga e Muldur fuori per Kyrakopoulos e Obiang, mentre si gioca l’ultimo slot nel finale con Bourabia e Marlon per Raspadori e Chiriches. Ben sei i minuti concessi da Mariani per le diverse perdite di tempo e il VAR. Ancora giallo nel Sassuolo per Bourabia che ferma male Bakayoko. Gol annullato a Manolas nel recupero che di testa aveva superato Consigli, ma il greco era partito leggermente avanti. Protesta ancora il Napoli per un’evidente trattenuta subita da Osimhen in area con Mariani che non ravvede gli estremi del calcio di rigore, e sulla successiva azione di contropiede Maxime Lopez tutto solo batte Ospina, che si becca addirittura un giallo per proteste. Napoli infuriato.

Prima sconfitta sul campo per gli azzurri, che masticano amaro per la decisione grave di Mariani, ma che comunque compiono un grave passo indietro sia in classifica, sia sul gioco espresso, facendosi imbrigliare per bene dal possesso palla snervante dei neroverdi, capitanati da un Locatelli da nazionale. Male nel Napoli Fabiàn Ruiz che non riesce a prendere per mano gli azzurri, così come Mertens, lontano dalla forma migliore. Appuntamento per gli azzurri giovedi pomeriggio alle 18.55 in Europa League in Croazia, ospite del Rijeka, mentre il Sassuolo solo al secondo posto sarà protagonista dell’anticipo di venerdi sera in casa contro l’Udinese.

error: Il contenuto è protetto !!
P