News

Super Cagliari: Pavoletti stende l’Inter

L’anticipo di campionato del venerdì sera si tinge di rossoblù. Alla Sardegna Arena caparbia prestazione del Cagliari che stende un’Inter spenta e troppo prevedibile. I sardi vanno in vantaggio con Ceppitelli, i nerazzurri pareggiano con l’incornata del Toro Martinez su assist di un propositivo Nainggolan. Pavoletti smorza immediatamente le speranze interiste firmando il gol vittoria grazie ad una girata al volo di pregevole fattura. Nel recupero Barella sbaglia il rigore. Va sottolineata la brillante prestazione dei padroni di casa, solidi in fase difensiva ma allo stesso tempo dinamici in zona offensiva. Grinta e pressing che bloccano l’economia di gioco dell’Inter. La costruzione e conseguentemente le trame stentano a decollare. L’undici di Maran, come detto, è protagonista di una prestazione esaltante. Spicca la prova di Barella che esprime un sostanzioso mix di qualità e quantità. Ceppitelli è sontuoso. Dall’altra parte si salvano solo Lautaro e Nainggolan. Il terzo posto dell’Inter è in serio pericolo e domani in caso di vittoria dei cugini rossoneri, i nerazzurri scivolerebbero quarti dopo molto tempo. Situazione che potrebbe peggiorare in caso di vittoria dei giallorossi nel derby visto le tre lunghezze che separano al momento capitolini ed interisti.

Cagliari frizzante Gli uomini di Maran partono in modo aggressivo sfruttando la posizione sulla trequarti di Barella che si muove constantemente. I sardi cercano la fisicità di Pavoletti per far alzare sin da subito la squadra. Va evidenziata la densità creata dall’undici rossoblù in mezzo al campo all quale si aggiunge un calcio frizzante e vibrante negli ultimi metri e sulle corsie. I nerazzurri infatti faticano a costruire ma soprattutto a leggere gli inserimenti delle mezzali. La determinazione cagliaritana viene premiata da Ceppitelli. Il centrale sugli sviluppi di un calci di punizione di Cigarini, stacca efficacemente su Perisic trafiggendo Handanovic. Non finisce qui perché i padroni di casa si esaltano e sfiorano il gol del raddoppio. Luca Pellegrini è lesto nel servire Joao Pedro, il numero 10 è altrettanto abile con la testa ad impegnare Handanovic autore di una grande parata. Sulla respinta Faragò fallisce una ghiotta opportunità. Il Cagliari ha pienamente tra le mani la partita. Dal nulla però arriva la giocata dell’Inter. Guizzo di Nainggolan, cross per Lautaro che da attaccante vero pareggia i conti. I sardi hanno però una grinta differente. Azione avvolgente: cross al bacio di Srna e girata al volo di Pavoletti in mezzo ad una retroguardia nerazzurra impassibile nelle marcature. Il primo tempo si chiude con il Cagliari meritatamente in vantaggio grazie ad un perfetto mix di brillantezza ed equilibrio. Gli ospiti non imprimono il giusto brio sugli esterni e la coppia Ninja-Toro è l’unica a salvarsi.

Efficienza sarda Nella ripresa Spalletti prova a proporre maggiore imprevedibilità. Politano si scambia la posizione con Perisic ed ha subito una buona occasione ma Cragno è reattivo. Il Cagliari si compatta sapientemente non pensando esclusivamente alla fase difensiva. L’undici di Maran, sfodera guizzi notevoli conditi da giocate di prima per eludere la marcatura interista. L’esempio lo dà il reparto offensivo. Barella effettua un pressing asfissiante complicando l’impostazione avversaria mentre Pavoletti lotta su ogni pallone. In generale la partita continua a vivere di duelli fisici continui e soprattutto di un’intensità vigorosa. Spalletti decide di inserire Borja Valero al posto di Vecino per avere una migliore pulizia del palleggio. La capacità rossoblù continua a bloccare le iniziative interiste. Ed è in questo modo che il Cagliari difende diligentemente il risultato. Nel finale opportunità per Borja Valero che da posizione più che invitante, spara alto. In pieno recupero Barella sbaglia il rigore che potrebbe chiudere definitivamente i conti. Il Cagliari si aggiudica comunque il match piegando l’Inter. Il terzo posto dei nerazzurri è in serio pericolo.

 

 

error: Content is protected !!
P