News

Domani Milan-Sassuolo. Gattuso: “Partiamo con il piglio giusto. Partita fondamentale”

Paolo Dani

In casa Milan domani è previsto un esame di maturità. Alle 18 a San Siro i rossoneri sfideranno il Sassuolo, match da sempre spinoso per l’ambiente. Gattuso è consapevole dell’importanza della sfida in ottica quarto posto anche perché domani sera si giocherà il derby romano e prendere punti è essenziale. Alla vigilia in conferenza stampa, Gattuso è stato come sempre diretto mettendo in luce le qualità degli emiliani. “Il Sassuolo è una squadra importante che applicano il calcio che vuole De Zerbi. E’ un allenatore competente che ti può far male, contro di lui ho fatto un solo un punto lo scorso anno. Bisogna rispettarli, dobbiamo preparare la partita come se giocassimo contro una grande squadra. E’ una partita fondamentale, dobbiamo partire con il piglio giusto. A livello fisico stiamo bene anche se abbiamo speso tanto mentalmente e fisicamente in questa settimana, in estate abbiamo fatto un lavoro importante. Non dobbiamo pensare a quello che ci stiamo giocando ma pensare che mancano 14 finali poi tireremo le somme. I tifosi? Si convincono con le prestazioni ed i risultati. A Roma erano 5000 e devo ringraziarli”.

Il momento di Suso “Ci sta che un giocatore attraversi un momento di appannamento. E’ importante capire come aiutarlo per metterlo nella condizione migliore. E’ stato un mese fermo e sta pagando qualcosa a livello fisico ma ha le qualità per darci un contributo. Non è un problema come non lo è nessuno dei miei giocatori”.

I singoli “Kessie dobbiamo valutarlo oggi. Ieri ha fatto la prima parte con noi ma poi accusato fastidio. Ha una muscolatura importante ed è difficile per lui attuttire. Romagnoli è un grande giocatore, è giovane, è il capitano del Milan ed ha ancora ampi margini di miglioramento. E’ onorato di indossare la fascia, fanno piacere gli interessi dei grandi club ma sono sicuro che continuerà qui. Caldara domani giocherà 50-55 minuti con la primavera e spero di dargli presto la possibilità di scendere in campo. Cutrone deve lavorare con entusiasmo e voglia. Quando uno ha il muso vuol dire che ci tiene ma l’importante è avere rispetto e lui non ha mai sbagliato. E’ un ragazzo che ride e sta bene con i compagni, il lavoro paga sempre”.

error: Content is protected !!
P