News

La Roma sbanca Marassi e si prende il quarto posto

Massimo Ciccognani

GENOVA Soffrire, stringere i denti e portare a casa i tre punti. Che alla Roma di questi tempi servivano come il pane. I giallorossi passano a Marassi, Genoa battuto 3-1 al termine di un match che la Roma ha avuto in pugno da subito (vantaggio iniziale di Under, raddoppio con un’autorete di Biraschi) per poi rimetterla in gioco complice un erroraccio di Pau Lopez e gol allo scadere del primo tempo di Pandev. Nella ripresa, quando i Genoa stava producendo il massimo sforzo per cercare il pari, è arrivato il 3-1 romanista con Dzeko. Game over a Marassi.

Le scelte dei due tecnici Nicola si affida alla coppia offensiva Pandev-Sanabria, Ghiglione e Barreca preferiti ad Ankerson e Pajac. Fonseca schiera invece dall’inizio Under e Kluivert  e dietro rilancia Spinazzola dopo il flop della trattativa con l’Inter e l’ex Juve ricambia con una prestazione maiuscola.  Davanti torna Dzeko, per il resto gli uomini migliori a disposizione, esclusi gli squalificati Kolarov e Florenzi, oltre a Zaniolo.  Cristante, appena recuperato, parte dalla panchina, dentro Veretout accanto a Diawara.

Subito Roma Partono forte i giallorossi che prendono subito campo. Pressing alto, geometrie precise, Genoa sorpreso dalla partenza lanciata della Roma. Che trova subito il gol dopo una manciata di minuti: cross mancino di Under dalla destra, Pellegrini non arriva ma inganna Perin, sorpreso e battuto sul secondo palo. Roma avanti. Giallorossi padroni in mezzo al campo dove Diawara si prende la scena, Pellegrini conferma il suo stato di forma,  Dzeko gioca per la squadra, difende, lotta, crea spazi. Il Genoa fatica ad uscire anche se Pandev e Sanabria provano a caricarsi i rossoblà sulle spalle. Dzeko ha la palla buona per il raddoppio. Spinazzola va via sulla sinistra, la mette di giustezza in mezzo, il bosniaco colpisce ma centrale. Sospiro di sollievo per Perin. Pellegrini e Dzekop confezionano trame pregevoli, Genoa che fa fatica ma che sfrutta una ripartenza veloce. Tiro cross di Pandev, Pau Lopez smanaccia poi si ritrova tra le mani il colpo di testa a botta sicura di Ghiglione. Senza tregua il match, godibilissimo. Dzeko c’è, manca di poco la porta di testa, poi non indirizza, sempre di testa, un centro al bacio di Pellegrini.

L’As Roma è offerta dal Ristorante Le Streghe, via Tuscolana 643, ROMA

Botta e risposta Meglio, decisamente meglio la Roma, ma occhio al Genoa che non molla. Ma al tramonto della prima frazione, arriva il raddoppio Roma. Ennesima azione di Spinazzola che la mette in mezzo cercando la testa di Dzeko, ma trova la deviazione di Biraschi che anticipa tutti e mette alle spalle del proprio portiere. Tempo finito, eppure c’è tempo per un’altra emozione e un altro gol. Quello che del Genoa che la riapre a pochi secondi dall’intervallo. Lancio lungo di Schone per Pandev, Pau Lopez non è impeccabile e il macedone lo beffa con un pallonetto che infiamma Marassi. erroraccio del portiere spagnolo. Due a uno per la Roma al rientro negli spogliatoi.

Ci pensa Dzeko E’ un altro Genoa, arrembante, Barreca fa venire i brividi a Pau Lopez che si distende e blocca a terra. Veretout prova a chiuderla, Perin si immola e respinge come può, con Dzeko che manca il tap in vincente. Ma la Roma rischia troppo sul pressing genoano. Barreca sfonda a sinistra e si beve Santon e la mette in mezzo ma Sanabia solo davanti a Pau Lopez arriva con un attimo di ritardo sul pallone. Brividi. Nicola aumenta il potenziale offensivo, fuori Cassata, dentro Favilli. Genoa a attrazione anteriore. Diawara salva in angolo su Sanabria, Roma in difficoltà. Cambia anche Fonseca, fuori Veretout, dentro Cristante.  Nel momento migliore del Genoa, la Roma colpisce ancora. Stavolta l’errore è di Perin che scivola al momento del rinvio, Pellegrini addomestica il pallone e lo serve in area per Dzeko che davanti alla porta non fallisce: 1-3. Spazio per Cetin e Bruno Peres, con Pau Lopez che salva in pieno recupero il secondo gol genoano e sul match cala il sipario. Vince la Roma che si prende momentaneamente il quarto posto in attesa dell’Atalanta impegnata domani. Brutto colpo per il Genoa che rimane al terz’ultimo posto in zona retrocessione.

Il film del match

(fotoservizio Gino Mancini)

 

 

error: Content is protected !!
P