News

La Lazio non sfonda: all’Olimpico è solo 1-1. E la Roma ringrazia

Massimo Ciccognani

La Lazio fa la partita, domina, ma non graffia. E all’Olimpico finisce 1-1. La sblocca Kolarov su rigore, fa pari nella ripresa Luis Alberto. In mezzo ben sei legni, quattro laziali, due romanisti. Ai punti avrebbe meritato di più la squadra di Inzaghi. Alla fine è uscito un pari che lascia tanto amaro in bocca in Simone Inzaghi che aveva tutto per vincere il derby. Riflessioni per Paulo Fonseca che da questo derby ha ottenuto il massimo che la Roma poteva conseguire in questo momento.

LE SCELTE  Nella Lazio (3-5-2), Inzaghi si affida a Strakosha tra i pali, Luiz Felipe, Acerbi e Radu dietro, in mezzo Lazzari e Lulic estrerni di centrocampo, Milinkovic, Leiva e Luis Alberto alle spalle della coppia  Immobile-Correa. Fonseca conferma il 4-2-3-1: tra i pali c’è Pau Lopez, Zappacosta, che avrebbe dovuto fare l’esordio dal primo minuto,  si blocca durante il riscaldamento. Così Fonseca ritorna all’originale, riportando Florenzi bassi a Kolarov dalla parte opposta, Fazio e Mancini (altra novità) centrali. Cristante e Lorenzo Pellegrini in mediana, Under e Kluivert larghi sulle fasce, Zaniolo trequartista alle spalle di Dzeko.

INIZIO SPRINT Cinque pali, un rigore, non ci si annoia all’Olimpico. Parte meglio la Lazio che aggredisce in ogni angolo del campo. Leiva dipinge, Lazzari e Lulic sugli esterni mandano in affanno la retroguardia giallorossa, Milinkovic si limita al compitino, Immobile e Correa provano a sfruttare gli spazi e a tratti diventano imprendibili. La Roma deve arrotare i bulloni e difendersi con i denti. Il canovaccio del match si conosceva. Lazio a fare la partita, Roma chiamata a dover migliorare sotto l’aspetto difensivo dopo il pari in rimonta con il Genoa. Leiva apre la sagra del gol mancato, gran destro e palla che si stampa sul palo, la palla resta lì, Immobile va a prendersi la scena, conclusione a botta sicura, ribattuta in angolo. Soffre la Roma che prova a sfruttare le ripartenze. Under non c’è, Kluivert si accende a tratti, Dzeko fa lavoro sporco ma utilissimo per far salire la squadra, Zaniolo è ispirato: prende palla sulla destra, si accentra, poi vede lo spiraglio giusto, ma il suo sinistro bacia il palo interno.

RIGORE ROMA La Lazio fa la partita, la Roma copre con non poche difficoltà e riparte. Dzeko, decentrato, prova a metterla in mezzo, Milinkovic stoppa la palla col braccio e Guida non ha esitazioni a indicare il dischetto. Trasforma l’ex Kolarov: 1-0 Roma. La Lazio prova a riprendersi, Milinkovic fa da sponda per l’inserimento a rimorchio di Immobile che colpisce di prima intenzione, Pau Lopez c’è e palla in angolo. Buon momento laziale. Correa ogni volta che affonda sono dolori per la retroguardia romanista, destro a giro dell’argentino e palla nuovamente sul palo. La Roma difende stretta e prova a ripartire con i suoi uomini migliori. Zaniolo, il migliore, vuole timbrare il cartellino e riscattarsi del palo in avvio, si libera bene al limite, gran sinistro ma palla nuovamente sul palo. Ci provano Immobile, poi Correa, senza fortuna. Luiz Felipe è ammonito e rischia, Inzaghi lo toglie e inserisce Bastos. L’ultimo brivido è una punizione di Kolarov, Strakosha non si fida e smanaccia in angolo. E tutti a rinfrescarsi.

L’As Roma è offerta dal Ristorante Le Streghe, via Tuscolana 643, ROMA

TANTA LAZIO La Roma si abbassa, la Lazio spinge sull’acceleratore, Leiva ci prova da fuori, Pau Lopez sicuro a terra.  I biancocelesti insistono, sulle fasce sono imprendibili, la Roma si salva con affanno ed esperienza. Zaniolo prova a sfruttare una ripartenza, entra in area ma anzichè metterla in mezzo prova una improbabile conclusione che si perde sul fondo. La Roma si abbassa troppo, Dzeko rimane isolato e rivede gli spettri dell’ultimo periodo con Di Francesco, la Lazio spinge. La partita è tutta nei piedi dei biancocelesti, Lazzari di testa non inquadra la porta da due passi, ma la spinta laziale è troppo forte e il pari arriva a stretto giro. Lo firma Luis Alberto. Immobile, ben lanciato da Milinkovic che si era bevuto in anticipo Kolarov, non riesce a trovare la conclusione di prima intenzione, ma è bravo a difendere il pallone e servire a rimorchio lo spagnolo che da due metri fulmina Pau Lopez: 1-1 all’Olimpico con mezz’ora ancora da giocare. I biancocelesti se ne vanno via con irrisoria facilità, la difesa romanista barcolla. Bel dialogo Immobile-Correa con l’argentino che colpisce a botta sicura, salva coi pugni Pau Lopez. Ma è tanta Lazio.

LA LAZIO NON GRAFFIA Fuori Under, impalpabile, dentro Pastore con Zaniolo che va a destra e l’argentino trequartista. La Roma si muove a tratti, la Lazio con più qualità fa la partita, aspettando l’occasione giusta. Florenzi si prende un giusto giallo trattenendo per la maglia Correa. Cambia anche Inzaghi, fuori Milinkovic, dentro Parolo. La Lazio pressa alta e toglie il respiro ai giallorossi sempre più in affanno. La Lazio domina, la Roma è sbiadita e senza idee. La manovra biancoceleste è fluida, la Roma si difende a denti stretti e spera solo nel controgioco. Dentro Jony, fuori Lulic con Inzaghi che chiede più spinta ai suoi negli ultimi dieci minuti. Cambia anche Fonseca che inserisce Santon per Zaniolo, mengre la Lazio continua a sprecare. La Roma fatica a uscire, la Lazio la stringe in una morsa. Lazzari continua a spingere a destra, Jony va via a Santon dalla parte opposta con l’ex interista costretto al fallo. E si prende pure il giallo. La Lazio imperversa nelle praterie offerte da una Roma molle, azione alla mano, Parolo va a colpire a botta sicuro, ma stavolta è la traversa a salvare la Roma. Fuori Florenzi, dentro Diawara quando mancano tre giri di lancette alla fine.

BRIVIDO FINALE Lazio d’assalto. I biancocelesti sfondano a destra con Correa e Jony che la rimette in mezzo per la deviazione vincente di Lazzari, ma Guida annulla perché al momento del cross la palla era già uscita. Ma che brivido. E finisce qui, un derby giocato decisamente meglio dalla Lazio, che ha costruito molto ma non è riuscita a graffiare. La Roma si prende il punto che vale tanto. Ma non è ancora la Roma di Fonseca. Troppa sofferenza, ma lo si sapeva. Stavolta Fonseca ha ottenuto il massimo del risultato per quello che al momento può offrire la Roma. E per ora, va bene così. Inzaghi invece mastica amaro. Voleva vincere, ma a tratti i suoi sono apparsi troppo leziosi. Due punti persi.

Lazio-Roma 1-1

(fotoservizio GINO MANCINI)

Tegola Zappacosta: si blocca durante il riscaldamento
Esulta Kolarov dopo il gol del vantaggio…
e va a raccogliere l’abbraccio dei compagni
Infuriato Simone Inzaghi
Tranquillo in panchina Paulo Fonseca
Mancini in pressione su Immobile
Positiva la prova dell’ex atalantino

 

 

 

 

 

error: Content is protected !!
P