News

Mancini amaro: “Ripartire non sarà facile: alcuni giovani neppure giocano in A”

Nella foto: il ct Roberto Mancini (foto Matteo Gribaudi/Image Sport)

Massimo Ciccognani

LONDRA L’amarezza si staglia sul volto di Roberto Mancini dopo la sconfitta, netta, contro l’Argentina. “Questa partita rappresenta una partita non vinta, ma alla quale siamo arrivati vincendo l’Europeo e dopo tre anni e mezzo di imbattibilità. Rappresenta comunque un bel momento della nostra carriera. Io devo dire solo grazie a tutti questi ragazzi che hanno giocato in questi 4 anni, c’è grande dispiacere per la non qualificazione al Mondiale. Stasera la partita è stata equilibrata fino allo 0-1, poi hanno meritato. I nostri ragazzi hanno speso anche tanto negli ultimi due anni e ora sono anche un po’ stanco. Volevamo cambiare dopo questa partita e lo faremo”. 

Qualcosa di buono però è stato fatto. “Il primo tempo è stato equilibrato, i loro gol nel primo tempo sono arrivati da errori nostri che non possiamo commettere mai. Avevamo palla noi e l’abbiamo persa, sul secondo ci siamo fatti superare a metà campo. Dallo 0-2 è diventato tutto più difficile perché l’Argentina ha giocatori incredibili che sanno gestire il pallone. Ora dobbiamo lavorare molto e impegnarci, sapendo che non sarà semplice”. 

Per la Nations certo che qualche interprete sarà messo a riposo, ma le preoccupazioni ci sono, perché questa nazionale continua a far fatica a fare gol. “Sì, lascerò qualcuno in vacanza perché se lo merita e deve recuperare rispetto a quanto ha fatto in questi due anni. Dopo l’Europeo abbiamo fatto una grande fatica a far gol e dobbiamo trovare soluzioni in questo senso, dobbiamo essere veloci e non sarà semplice mettere una squadra che ci dia soddisfazioni a breve tempo. Bisognerà lavorare bene e sbagliare il meno possibile”. 

L’entusiasmo per ricominciare non gli manca, ma ricostruire non sarà facile. “Entusiasmo ne ho ancora da vendere. Ci saranno però anche momenti difficili, come stasera. Questo lo dobbiamo sapere perché non sarà semplice, bisognerà essere veloci per far sì che i nuovi imparino in fretta. “Può essere più difficile ripartire perché abbiamo ragazzi giovani e alcuni non giocano nemmeno in Serie A. Però nella squadra di stasera ci sono giocatori che saranno importanti e dopo aver ripreso forza torneranno a giocare bene come hanno sempre fatto”.

error: Content is protected !!
P