News

L’Atalanta chiede strada al Bologna

E la Dea fa festa

Robert Vignola

C’è Bologna-Atalanta tra i match più interessanti di giornata. Mai banali le conferenze di Mihajlovic, men che meno alla vigilia dell’ultimo match del 2020: “Con l’Atalanta una partita difficile, se penso che ne abbiamo presi cinque dalla Roma e i nerazzurri gliene hanno fatti quattro, dovremo perdere di otto o nove gol, invece magari vinciamo. È un momento strano, spero di tornare presto alla vita normale, con i bambini a scuola, gli anziani a passeggio, la gente allo stadio. Speriamo di essere vicini alla soluzione. Prima del Covid eravamo sulla strada giusta per fare come l’Atalanta, ma ci vuole tempo e ora siamo in difficoltà”.

Ma Gian Piero Gasperini non si fida. “L’anno scorso a Bologna eravamo in un periodo simile e perdemmo nonostante le occasioni: è una squadra pericolosa in attacco, può sempre far gol”. Pariole di zucchero per Ilicic, con la precisazione: “Io schiero squadre offensive per vincere: i pareggi vanno bene negli scontri diretti, ma non alzano la classifica”.

Nel Bologna comincia a svuotarsi l’infermeria: c’è Dijks in difesa, Orsolini potrà essere del match ma solo a partita iniziata, in una staffetta annunciata con Vignato, mentre titolare a centrocampo sarà Schouten. Nell’Atalanta, col Papu Gomez ormai ai margini della rosa, Ilicic e Muriel prenderanno posto dietro alla punta Zapata; ballottaggio tra Paomino e Djimsiti in difesa.

Arbitra Chiffi di Padova assistito da Di Iorio e Lombardi con quarto uomo Abisso e addetti var Guida e Del Giovane. Al Dall’Ara calcio d’inizio alle 20,45.

error: Content is protected !!
P